Progetti di Solidarietà 2019

ASSOCIAZIONE ANGELI BERICI PER LA  CHIRURGIA PEDIATRICA ONLUS 

Venendo a contatto con il mondo della Chirurgia Pediatrica di Vicenza, reparto ormai di riconosciuta eccellenza non solo a livello nazionale ma anche europeo, in cui le necessità sono grandi e i mezzi mai sufficienti, abbiamo sentito l’impulso di renderci utili.
È stata, quindi, costituita da un gruppo di genitori, parenti e amici dei piccoli pazienti l’associazione “ANGELI BERICI PER LA CHIRURGIA PEDIATRICA”. L’ONLUS “ANGELI BERICI PER LA CHIRURGIA PEDIATRICA” e’ nata con atto notarile il 7 maggio 2015 con integrazione dello statuto in data 12 ottobre 2015, che ci ha permesso l’iscrizione all’anagrafe unica delle ONLUS.
La nostra associazione ha quindi lo scopo di sostenere il reparto di Chirurgia Pediatrica di Vicenza la cui equipe medico infermieristica coordinata dal dott. Chiarenza, cura ogni giorno neonati e piccoli pazienti affetti da malformazioni congenite talvolta anche molto gravi e rare. Tra gli altri obiettivi che l’associazione si propone vi è :
• L’aiuto alle famiglie dei bambini degenti portatori di malattie rare e congenite con la creazione di una rete genitore-genitore che possa interagire nei momenti di maggior difficoltà raccontando le proprie esperienze e fornendo la speranza di una possibile guarigione;
• Eventuale supporto psicologico ed economico alle famiglie ed ai bambini con particolari problemi che afferiscono al reparto. ( Ad esempio: abbiamo aiutato economicamente una famiglia povera del sud, pagando l’affitto della camera, fuori dall’ospedale, finché il loro bambino è rimasto presso il reparto di chirurgia pediatrica).
• Supporto di una psicomotricista e di una psicologa specializzate al sostegno ed alla cura dei piccoli pazienti. Tali figure sono già state assunte tramite borsa di studio biennale del valore di €18.000,00 .
• L’attenzione ai bisogni del reparto di Chirurgia Pediatrica (personale, arredi ecc.).
• La possibilità di finanziare la formazione al personale medico e infermieristico.
• Il sostegno all’acquisto di apparecchiature medicali e di nuove tecnologie utili a migliorare le cure del paziente pediatrico. Già acquistati 2 monitor per pazienti pediatrici per il rilevamento dei parametri vitali.

Lo scorso anno si è conclusa la campagna “PROGETTO NEONATO” con l’acquisto della colonna laparoscopica, di ultima generazione 3D, per la microchirurgia mininvasiva nel neonato del valore di circa € 100.000,00 .

 

AIL Sezione della Provincia di Padova Onlus | ASSOCIAZIONE ITALIANA CONTRO LE LEUCEMIE-LINFOMI E MIELOMA

Progetto: Assistenza Specialistica Integrata Domiciliare a pazienti Pediatrici Oncoematologici

I destinatari dell’Assistenza Specialistica Integrata a domicilio sono pazienti fino a 18 anni, cioè bambini e adolescenti, in trattamento per una malattia ematologica o emato-oncologica e seguiti dall’U.O. di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova, in stato di dipendenza sanitaria e socio-sanitaria, le cui condizioni cliniche traggono vantaggio dalla prosecuzione di un programma terapeutico a domicilio.
Nell’attuazione del servizio sono coinvolti il medico oncoematologo che ha in carico il paziente, il medico oncoematologo responsabile del servizio, gli infermieri dedicati, il pediatra responsabile nel territorio della salute del minore, il medico di cure primarie, uno psicologo e un fisioterapista, nonché un familiare che possa assicurare un adeguato riferimento nell’assistenza complessiva.
Nell’attuazione del programma di Assistenza Specialistica Integrata Domiciliare Pediatrica, sono coinvolte l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’ULSS n.6 Euganea e la ns. Sezione AIL che è impegnata a sostenere il progetto garantendo un finanziamento annuo di circa 120.000 euro a copertura dei costi.
I vantaggi per i pazienti interessati al programma sono evidenti poiché viene ridotto l’impatto sul vissuto della malattia e viene migliorata la gestione familiare, lavorativa ed economica.
l’AIL di Padova è un’organizzazione di volontariato, senza scopo di lucro, che persegue da oltre 44 anni esclusivamente finalità di solidarietà socio-sanitaria e sociale con l’obbiettivo di promuovere in città e provincia lo sviluppo e la diffusione delle ricerche scientifiche nel campo delle leucemie e delle altre malattie oncoematologiche e di favorire il miglioramento dei servizi e dell’assistenza a favore dei pazienti e delle loro famiglie.